A poche ore dalla controversa e immeritatissima sconfitta della leggenda italiana della Kickboxing, il mondo del fighting internazionale si è schierato integralmente al fianco del campione, esprimendo sul web migliaia di commenti di disappunto sul verdetto arbitrale: una ingiusta split decision che ha visto premiare l'atleta di casa, a discapito del nostro Giorgio Petrosyan.

Un verdetto che fa gridare allo scandalo, considerando l'imbattibilità di Giorgio da oltre 6 anni e mezzo.

Ecco la nostra lettura del match: 

1° Round: grande padronanza del ring e dominio netto sull'avversario da parte di Giorgio, che impone il suo ritmo per tutta la durata della ripresa, con bellissime combinazioni di pugilato che mettono in grande difficoltà il thai Petchmorakot.
[Round di Petrosyan]

2° Round: Petrosyan impone il suo pugilato con colpi duri e precisi sino al termine della ripresa, il thai risponde con clinch e maggior numero di ginocchiate, ma che comunque non bastano per portare dalla sua il cartellino.
[Sostanziale parità con preferenza per Petrosyan]

3° Round: grande equilibrio iniziale, con il thailandese che prova ad alzare il ritmo rispondendo con colpi di braccia e imponendo un clinch di ostruzionismo, mentre Giorgio continua a rispondere con colpi precisi ed efficaci, mantenendo sempre il centro del ring e costringendo spesso alle corde il suo avversario.
[Round di Petrosyan]

Purtroppo gli ufficiali di gara non sono stati dello stesso parere: 2 giudici hanno assegnato la vittoria a Petchmorakot e 1 giudice ha assegnato la vittoria a Giorgio Petrosyan.

Sinceramente non riusciamo a comprendere questo verdetto che ci lascia tutti basiti: 
un verdetto troppo generoso in favore dell'atleta asiatico, che penalizza il miglior atleta della storia della kickboxing.

Una sconfitta che non macchia sicuramente la carriera di Petrosyan (che ricordiamo essere imbattuto da oltre sei anni con un incredibile score di 108 match disputati e 103 vittorie), ma che penalizza fortemente il circuito One Championship che perde così il suo atleta di punta nel “One Super Series Featherweight World Grand Prix 2019”, il più grande torneo della storia della kickboxing moderna, con un incredibile montepremi di 1.000.000 di dollari, nel quale tutti i favoriti sono ora usciti dal torneo.

Confidiamo in una presa di posizione chiarificatrice da parte del presidente di ONE Championship, Chatri Sityodtong e in un rematch nell'imminente futuro!
_____________________________________________

After the controversial and unbelievable defeat of the Italian legend of Kickboxing, the world of fighting has expressed on social network thousands of disappointing comments about the official score card: an unacceptable Split decision, in favor of the Thai Athete, and unfair for Giorgio, undefeated for over 6 years.

This is our point of view: 

1st Round: Petrosyan imposes his rhythm for 180 seconds, with great boxing combinations that put in great difficulty Petchmorakot.
[Round for Petrosyan]

2nd Round: Petrosyan imposes his boxing with strong and perfect shots, while Petchmorakot responds with clinch and more knees, but still not enough to win the round.
[Draw with preference for Petrosyan]

3rd Round: Good equilibrium, with Petchmorakot trying to impose his rhythm with blows and clinch, while Giorgio continues to respond with precise shots, always at the center of the ring and forcing his opponent to the ring ropes.
[Round of Petrosyan]

Unfortunately officials judges had a different opinion: two judges awarded the fight to Petchmorakot and one judge awarded the fight to Petrosyan.

A defeat that certainly does not stain the career of Petrosyan, with an incredible score of 108 match disputed and 103 victories, but which strongly penalizes the circuit One Championship that loses its best fighter in the "One Super Series Featherweight World Grand Prix 2019".

We hope in a clarification by the president of ONE Championship, #ChatriSityodtong,
waiting for a quick rematch between Giorgio and Petchmorakot.