Dream Match tra Giorgio Petrosyan e Yodsanklai: Perché no?

Con questo titolo One Championship ha innescato una nuova "bomba" per il 2019, facendo sognare gli appassionati del fighting internazionale, che da anni sognano di vedere le 2 di star del K1 (entrambi provenienti dalla Muay Thai), una di fronte l'altra.

300 match all'attivo per la Leggenda Thailandese Yodsanklai Fairtex, contro i 107 match (di cui 2 sole sconfitte) per il Re Della Kickboxing Giorgio "The Doctor" Petrosyan.

Impegnato sui ring di tutto il mondo da oltre 17 anni, incoronato Miglior Atleta dell' Anno 2018, Petrosyan si appresta ad affrontare un 2019 straordinario, che promette di regalare grandi emozioni ai fan della più grande organizzazione mondiale di arti marziali.

Di recente è stata annunciata la sua partecipazione al grande torneo a 8 uomini "One Super Series Featherweight Grand Prix", dove ancora una volta il Dottore dovrà vedersela contro 7 tra i migliori fighters al mondo della disciplina. Giorgio ha promesso di esser pronto ad affrontare qualsiasi avversario nel prossimo anno (ricordiamo, tra le altre, la sua magnifica recente vittoria contro Chingiz Allazov, nel mese di luglio). Queste le sue parole:

"In ONE ci sono atleti molto forti. Ma in questo momento i nomi non mi interessano. Mi batterò con chiunque, non ho nessun problema".

E' sicuramente uno dei favoriti per la vittoria del Torneo, ma lui preferisce restare umile e con i piedi per terra, da gran campione quale è:

"Non ho ancora combattuto per il Titolo del Mondo di One Championship. Se un giorno dovessi combattere per il titolo e vincerlo, allora probabilmente sarò in grado di dire che sono io il numero 1. Fino a quel momento lascio questo pensiero agli altri".

Sull'altro versante, troviamo Yodsanklai Fairtex IWE, altra testa di serie del torneo. Conosciuto come una delle grandi leggende della Muay Thai, è un atleta che i fans hanno da sempre particolarmente amato, sin dai tempi della vittoria del reality The Contender. Ottenne il soprannome di "The Boxing Computer" grazie alla sua grazie intelligenza tattica. 

La possibilità che i due possano incontrarsi nel torneo, con un titolo in palio, apre uno scenario emozionante con una elevatissima probabilità che il match possa finalmente disputarsi. Queste le parole di Yod:

"E' stato detto molto su questo incontro. Lo conosco bene, da diversi anni. So che è un mancino come me. E' un combattente che colpisce duro. Mi piacerebbe molto incontrarlo, e perchè no, magari proprio per il titolo!

Anche Giorgio si è detto entusiasta all'idea di poterlo affrontare:

"Mi piacerebbe tornare a combattere in Giappone, perché Tokyo rappresenta la casa dei Samurai, i veri guerrieri. L'idea di poter combattere per un nuovo Titolo del Mondo mi motiva molto. Attendo impaziente quel giorno. Sarebbe un nuovo sogno che si avvera."

Incredibile vedere ancora il grande entusiasmo di Giorgio, dopo oltre 100 match pro disputati ed una vasta collezione di titoli del mondo accumulata in carriera, di fronte alla possibilità di poter vincere la nuova cintura e come ciò possa tenerlo concentrato e possa motivarlo a regalar prestazioni ancora più sensazionali per il mondo delle arti marziali.

Un vero esempio per tutti!